Homepage

 

Benvenuti sul sito logna.it, seguite tutti gli articoli e le news nella sezione Blog e Notizie

Logna è una frazione del Comune di Cascia, provincia di Perugia, in Umbria. La frazione o località dista circa 7 km da Cascia e 17 da Norcia. L’altezza rispetto al livello del mare è di 815m. La popolazione è di circa 50 abitanti stabilmente residenti, che salgono nel periodo estivo.

 

Il nostro centro Sportivo

Clicca per la pagina del Centro Sportivo

Centro sportivo

 

La chiesa di San Giovenale

Cenni Storici

La Chiesa di San Giovenale, nella frazione di Logna, parrocchiale, preceduta da un portico, appare nell`insieme una ricostruzione del XV secolo o degli inizi del XVI, ma la sua origine è certo molto precedente.
La chiesa era di iuspatronato della Comunità.
Nel 1712 il Vescovo Lascaris vi contò sette altari (Crocifisso, Annunziata, Rosario, S. Giuseppe, Madonna Lauretana, S. Rocco e S. Bernardino).

Aspetto esterno

chiesa san giovenale
Chiesa di San Giovenale

L`atrio, la lunetta dell`ingresso e l`interno furono quasi interamente affrescati nel XVI secolo da maestranze della Valnerina, dalla seconda generazione degli Sparapane e dalla scuola umbra-folignate.
Questa decorazione, riscoperta a partire dal 1911 e pervenutaci quasi interamente, rende il significato dell`impresa votiva in cui furono impegnati numerosi nuclei della piccola comunità.
Nell`atrio, abbellisce l`anta sinistra una grande Annunciazione eseguita nel 1561 da Vincenzo e Girolamo Sparapane, con la seguente iscrizione: – Fecit fieri Dominicus Jentilis. “Lo fece fare Domenico Gentili
Il dipinto è analogo a quello del Lazzaretto a Roccaporena.
L’incontro dell’Angelo avviene sul profilo di un elegante portico del rinascimento: la Vergine è seduta su di una panca davanti ad esile badalone con libretto aperto.
Il volto è laccato, la scollatura piatta, le mani posate in croce come nei molti nicchioni della zona di Norcia secondo il manierismo stanco peruginesco.
Le vesti dell’Angelo sono svolazzanti e a sbuffi. Eleganti le lesene dipinte a candeliere del portico, sostenenti soffitto a lacunari.
Messer Domenico Gentili committente è in un angolo ai piedi della Beata Rita che con la corona nella sinistra, porge pietosa al bacio la mano destra.
Appartengono invece all’inizio del secolo e alla scuola operante in Valnerina (di maggiore qualità degli Sparapane) i dipinti della facciata a sinistra del portale ogivale e sulla sua lunetta.
Rappresentano una Madonna lauretana in parte coperta dalla volta, raccolta in preghiere, dagli occhi intensamente espressivi.
Accanto, in finto portico è S. Giovenale sorridente incoronato da due Angeli, e sulla lunetta gotica adorna di cornice rinascimentale con i tre medaglioncini (Cristo, S. Pietro e S. Paolo) è dipinta un’altra Annunciazione.
L’Angelo col giglio in mano si è appena posato etereo davanti all’esile Vergine che ha interrotta la lettura per ricevere in preghiera il grande annunzio.
Ammirevole l’eleganza, la coerenza stilistica, la fluenza ritmica delle linee: opera di uno dei migliori manieristi perugineschi con ricordi toscani, attribuibile a Giovan Battista da Norcia.
Sul pilastro Santa Lucia.

 

Galleria

Foto nella pagina: Galleria Chiesa

Fonti documentative

Articolo estratto dal sito i luoghi del silenzio.

Toscano B., Giacchè L., Ragni B., (1977), L’Umbria. Manuali per il territorio. La Valnerina. Il Nursino. Il Casciano, Roma, Edindustria

Clicca per l’articolo completo